\\ Home Page : Articolo : Stampa
Aggiornamenti da Pizzo
Di Amministratore (del 19/05/2009 @ 19:30:15, in Discorsi 'speciali ' sulle politiche ambientali, linkato 1206 volte)
Il 30 marzo con la conferenza stampa sulla discarica di Pizzo,avevamo espresso la volontà del nostro Circolo di monitorare l’iter della Conferenza dei Servizi consapevoli che, senza una sollecitazione forte come quella di una conferenza stampa, il rischio di un nuovo arenarsi della procedura poteva essere molto alto.

Il passo successivo e’ stato quello di chiedere di partecipare al tavolo tecnico della Conferenza,diritto che ci è stato accordato dalla Regione Lombardia. E finalmente, dopo un primo rinvio, la riunione si e’ finalmente tenuta lo scorso venerdì 8 presso la sala comunale di Costa Volpino.
Per noi è stato un momento molto importante: infatti abbiamo sentito confermarsi “dal vivo” tutte le nostre idee sulla discarica e le motivazioni che ci avevano indotto alla denuncia della conferenza stampa.
Infatti la Regione Lombardia ha da subito sottolineato l’obbligatorietà della messa in sicurezza a carico della proprietà dando alla stessa un ultimatum per accettare questo dovere-onere.
Di più: è stato contestata l’inadempienza alle prescrizioni precedenti, quelle del dicembre 2008 e il pericolo continuativo per la salute costituito dalle cessioni continuative dei vari metalli alle matrici ambientali. E’stato per altro palese, nelle motivazioni addotte dalla proprietà circa i ritardi contestati, la non–volontà ad eseguire i lavori di caratterizzazione richiesti fino a che alla stessa proprietà non verrà dato una via libera alla totale fruizione dell’area a scopo produttivi!!
Gli Enti e l’amministrazione comunale di Costa Volpino sembrano questa volta decisi a salvaguardare i diritti dei cittadini e dell’ambiente impegnandosi in quello che a nostro parere è un braccio di ferro.
A questo punto speriamo che la fermezza espressa dalle istituzioni al tavolo tecnico si traduca, qualora la proprietà continui a tergiversare, in un atto giuridico, come previsto dal D. Legs .152/ 2006 o in azioni ancora più forti e previste dal legislatore, in cui Legambiente potrà costituirsi parte lesa.

Siamo aiutati e assistiti in questo confronto difficile dall’esperienza del dottor Enrico Bai, responsabile scientifico di Legambiente Lombardia, cui va il nostro grazie più grande ,per la disponibilità umana e la speranza che ci infonde nel vivere e affrontare questa battaglia,cosi importante per il nostro lago e per il nostro Circolo!
Vi terremo informati su tutti i prossimi sviluppi...sperando che ve ne siano di positivi!!!

Bianca Lanfranchi